Il Logo

logo

Il logo dell’NR-DEFENCE SYSTEM è formato da tre parti che ne esprimono i suoi diversi significati rappresentati da COLORE, FORMA e DISEGNO.

Il colore ROSSO simboleggia il sangue e l’energia vitale sia mentale che fisica. L’uso di questo colore aiuta a combattere le energie passive infondendo una straordinaria forza sia psichica e che motoria.

Il colore NERO invece raffigura la negazione del colore per antonomasia e rappresenta il confine che segna la conclusione della fase vitale.

Il colore GIALLO è il simbolo della luce del sole ma anche della conoscenza e dell’energia, sia dell’intelletto che nervosa.

La forma del TRIANGOLO simboleggia l’armonia e la proporzione ed esprime un senso di equilibrio dinamico tra le parti. La dimensione di dinamicità gli deriva dalla forma appuntita che richiama un “tendere verso”, una sorta di freccia direzionale che se è rivolta in alto esprime l’aspirazione spirituale di fuoco (yang).  I tre lati del triangolo rappresentano il corpo, la mente e lo spirito.

La forma del CERCHIO rappresenta la perfezione, la completezza, l’unione, ciò che non ha rottura e interruzione. Emblema tradizionale di ciò che non ha inizio né fine, formato da una linea unica le cui estremità si ricongiungono per annullarsi l’una nell’altra.

Il disegno del GUERRIERO AD OTTO BRACCIA (Nawa Attawu), è una delle rappresentazioni maggiormente raffigurative del Muay Thai. Questo simbolo è stato dato al popolo tailandese soprannominando “la razza delle otto braccia” grazie al famoso re Naresuan il Grande nella metà del XVI secolo. Le otto braccia rappresentano le parti con cui si può colpire nel Muay Thai (mani, avambracci, ginocchia e gambe).

Il disegno del LABIRINTO DEL KRAV MAGA rappresenta il continuo sviluppo del sistema, costituito dalle lettere ebraiche “K” (ק) e “M” (מ) stilizzate ed inserite all’interno di un cerchio aperto. Il cerchio indica il sistema Krav Maga e le aperture in esso contenute fanno intendere che il sistema non è “chiuso”, ma in continua evoluzione.

Il disegno dei COLTELLI rappresenta le armi da taglio fondamentali nelle arti marziali filippine, da essi derivano anche il modo di portare i pugni nel panantukan (boxe filippina). Il coltello permette molti tipi di attacco, i più usati sono i colpi di taglio, di punta e l’azione di uncinare (agganciare e strappare via) tipico del karambit. Il karambit è un piccolo coltello di origine Sud-Est Asiatica, caratterizzato da una forma a mezzaluna e un anello alla base dell’impugnatura.

Il disegno dei BASTONI rappresenta un’altra arma utilizzata nelle Filippine lunga all’incirca quanto il braccio del praticante (+/-70 cm) che riproduce i movimenti effettuati dalla spada singola o doppia. Il bastone è di solito composto di rattan e può essere usato con diversi tipi di attacco, come affondi di punta, di taglio, per bloccare, per agganciare, disarmare, applicare delle leve, applicare degli strangolamenti o delle proiezioni.

Il disegno dei GUANTONI rappresenta e simboleggia la protezione maggiormente utilizzata negli sport da combattimento (pugilato, full contact, kick boxing, K1, muay thai).